30 Dicembre 2016

Quiz corso 120 ore

Benvenuto al Quiz 120 Ore:

Compila i campi richiesti.

Nome e Cognome Email
1. CON CHE FREQUENZA DEVONO ALTERNARSI COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE E VENTILAZIONI NELLA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE A DUE SOCCORRITORI, IN UN PAZIENTE ADULTO?
2. QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI È VERA CIRCA LA STABILIZZAZIONE MANUALE DEL RACHIDE CERVICALE:
3. IL CASCO INTEGRALE SI TOGLIE :
4. CHE COSA E’ LA SCALA DI CINCINNATI (CPSS)
5. LA PRIMA COSA DA FARE CON SOSPETTO DI INTOSSICAZIONE È’:
6. NEL TRASPORTO DI UNA PERSONA GRAVEMENTE IPOTERMICA E’ IMPORTANTE EVITARE I MOVIMENTI BRUSCHI DURANTE IL TRASPORTO ED E’ NECESSARIO MONITORARE I SEGNI VITALI PERCHE’:
7. SI DEFINISCE TRASPORTO SANITARIO:
8. SEI UN PASSANTE, TROVI UN BAMBINO INCOSCIENTE A TERRA, COSA FAI?
9. QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI È CONTENUTA NEL DPR 27.3.92?
10. QUALE È LA FUNZIONE- SANITÀ UMANA, VETERINARIA ED ASSISTENZA SOCIALE ATTIVATA A LIVELLO DI CENTRI DI COORDINAMENTO OPERATIVI IN EMERGENZA ?
11. LA PRIMA FASE DI RICOGNIZIONE NELL’AREA DELL’EVENTO È FINALIZZATA A:
12. QUALE DEVE ESSERE LA PROFONDITÀ DELLE COMPRESSIONI TORACICHE NEL BAMBINO?
13. IN UN PAZIENTE USTIONATO SOSPETTATE UNA LESIONE DA INALAZIONE IN PRESENZA DI:
14. UN PAZIENTE VITTIMA DI UN INCIDENTE IN ACQUA E’:
15. LE COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE DEVONO ESSERE EFFETTUATE CON LA FREQUENZA DI:
16. PAZIENTE DISPNOICO È’ UN PAZIENTE CHE:
17. LO SCOPO DELLA VALUTAZIONE PRIMARIA NEL TRAUMA:
18. NEL SISTEMA START, UN PAZIENTE CHE CAMMINA, HA UNA FREQUENZA RESPIRATORIA DI 22 ATTI/MIN, HA POLSO RADIALE, ESEGUE ORDINI SEMPLICI, CON QUALE CODICE COLORE VIENE IDENTIFICATO ?
19. VENITE INVIATI A DOMICILIO DI UN PAZIENTE CON PROBLEMI DI DEPRESSIONE, COME VI COMPORTATE ?
20. Quali tra questi sono gli errori più comuni nella compilazione della relazione di soccorso?
21. SINTOMI E SEGNI DI IPOGLICEMIA SONO:
22. IN UN PAZIENTE IN STATO DI SHOCK POSSONO VERIFICARSI I SEGUENTI SEGNI E SINTOMI:
23. QUAL’E', TRA QUELLE ELENCATE, LA MIGLIORE MODALITÀ DI TRASPORTO DI UNA GRAVIDA ALLA 30^ SETTIMANA TRAUMATIZZATA?
24. IN UN PAZIENTE INCOSCIENTE CHE NON RESPIRA LE CTE:
25. QUALI SONO I SINTOMI E I SEGNI PRINCIPALI DI UN’ESPOSIZIONE PROLUNGATA AL CALORE (ES. “INSOLAZIONE”, COLPO DI CALORE ECC.)?
26. QUALE DEI SEGUENTI QUADRI RESPIRATORI SI PUO’ PRESENTARE IN UNA REAZIONE ALLERGICA?
27. UN EVENTO CATASTROFICO AD EFFETTO CHE TRAVALICA LE POTENZIALITA’ DI RISPOSTA DELLE STRUTTURE LOCALI È CARATTERIZZATO DA:
28. IN CASO DI USTIONE DA FONTE DI CALORE LA MANOVRA PIU’ IMPORTANTE DA ESEGUIRE E’:
29. DA CHI È COSTITUITO IL POSTO DI COMANDO AVANZATO PROVVISORIO:
30. SECONDO QUANTO APPRESO E’ CORRETTO PARLARE DI URGENZA IN PRESENZA DI PARTO FISIOLOGICO?
31. UN PAZIENTE VITTIMA DI UN INCIDENTE STRADALE E’:
32. QUANDO UN PAZIENTE PRESENTA DOLORE ADDOMINALE INTENSO E’ IMPORTANTE:
33. QUALI TRA LE SEGUENTI SONO LE CARATTERISTICHE CHE DEVE AVERE UN BUON SISTEMA DI TRIAGE ?
34. NEL CASO DI LESIONE ALLA COLONNA VERTEBRALE IN PERSONA COSCIENTE:
35. QUALI DELLE SEGUENTI CONDIZIONI RICHIEDE SICURAMENTE L’IMPIEGO DI MASCHERINA PROTETTIVA?
36. NEL SISTEMA START, UN PAZIENTE CHE: NON CAMMINA, HA FREQUENZA RESPIRATORIA DI 25 ATTI/MIN HA POLSO RADIALE ED ESEGUE ORDINI SEMPLICI, CON QUALE CODICE COLORE VIENE IDENTIFICATO ?
37. IL PERSONALE ADDETTO AL TRASPORTO SANITARIO SEMPLICE E TRASPORTO SANITARIO, DEVE:
38. LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE DEVE ESSERE PRATICATA:
39. NEL CASO DI UN PAZIENTE CADUTO IN UN SILOS CHE POTREBBE CONTENERE GAS TOSSICO SI DEVE:
40. QUALI SONO I SEGNI E SINTOMI CHE POSSONO ESSERE PRESENTI NEL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE
41. UNA CRISI CONVULSIVA PUO’ ESSERE CAUSATA DA:
42. IN CASO DI SOCCORSO A VITTIMA IN STATO DI IPOTERMIA GRAVE:
43. COSA SI INTENDE PER URGENZA MEDICA:
44. IL DIABETE E’:
45. COSA È IMPORTARE FARE AD UN ARTO INFERIORE CON SEGNI DI CONGELAMENTO?
46. Fanno parte della “documentazione sanitaria”:
47. IN CASO DI ACC IN UN BAMBINO DI 6 ANNI, DOPO L’EROGAZIONE DI UNO SHOCK:
48. IL TRATTAMENTO DELL’OSTRUZIONE GRAVE DELLE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEO NELL’INFANTE COSCIENTE COMPRENDE:
49. QUANDO AVVIENE IL PRIMO CONTATTO CON LA SOREU DURANTE UN ACC ?
50. PERCHE’ E’ IMPORTANTE RIFERIRE IL MECCANISMO DI LESIONE ALLA COEU/SOREU?