30 Dicembre 2016

Quiz corso 120 ore

Benvenuto al Quiz 120 Ore:

Compila i campi richiesti.

Nome e Cognome Email
1. LA CORRETTA DEFINIZIONE DI DEMENZA SENILE E’:
2. INCIDENTE STRADALE: PAZIENTE E’ ALL’INTERNO DELL’AUTO, NON INCARCERATO, IN ARRESTO CARDIACO; E’ GIUSTIFICATA L’ESTRICAZIONE RAPIDA?
3. CONSENTIRE L’ANALISI DEL DAE:
4. SE DURANTE LA VALUTAZIONE DEL NEONATO SONO PRESENTI SEGNI DI PERICOLO:
5. QUALE FREQUENZA DI COMPRESSIONE DEVE ESSERE MANTENUTA DURANTE L’RCP NEL BAMBINO?
6. QUALE È’ LO SCOPO DELLA VALUTAZIONE SECONDARIA NEL PAZIENTE TRAUMATIZZATO?
7. LA LEGGE CHE NORMA L’USO DEI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI AL PERSONALE NON SANITARIO (legge 120/2001):
8. UNA PERSONA ESPOSTA A BASSE TEMPERATURE PRESENTA I SEGUENTI SEGNI E SINTOMI:
9. QUALE TECNICA DEVE ESSERE UTILIZZATA PER ESEGUIRE LE CTE IN UN INFANTE DI 3 MESI?
10. CON LO SCHEMA AMPIA SI VALUTANO?
11. L’URGENZA GINECOLOGICA PIU’ FREQUENTE E’:
12. IL D.G.R. 45819 DEL 22/10/1999 LEGIFERA IN TEMA DI:
13. IL “NUE 112” COINVOLGE:
14. STATE TRASPORTANDO AL DOMICILIO UN PAZIENTE DIALIZZATO. IMPROVVISAMENTE PERDE COSCIENZA COSA FATE ?
15. DOPO QUANTI MINUTI DI RCP SI DEVE CAMBIARE L’OPERATORE CHE EFFETTUA LE CTE, IN UN BAMBINO/INFANTE IN ACC?
16. LE FASI DEL PARTO IN ORDINE SONO:
17. SECONDO QUANTO APPRESO E’ CORRETTO PARLARE DI URGENZA IN PRESENZA DI PARTO FISIOLOGICO?
18. UN PAZIENTE CON FORTI DOLORI ADDOMINALI DURANTE IL TRASPORTO:
19. IL MEZZO PIÙ’ EFFICACE PER CONTROLLARE UNA EMORRAGIA ESTERNA È':
20. ARRIVATE SUL POSTO E IL BAMBINO E’ NELLA FASE POSTCRITICA DOPO LE CONVULSIONI, COSA FATE?
21. QUALE TRA I SEGNI ELENCATI SI MANIFESTA PIÙ PRECOCEMENTE IN CASO DI SHOCK EMORRAGICO:
22. STATE TRASPORTANDO UNA DONNA NON COSCIENTE PER ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE. IN CASO DI VOMITO:
23. COS’E’ LA MOBILIZZAZIONE ATRAUMATICA
24. UN SOCCORRITORE PUÒ’ INTERROMPERE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE QUANDO:
25. LA DGR del 02 Aprile 2008 CHE ISTITUISCE L’AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA (AREU) PREVEDE FRA I SUOI COMPITI:
26. IN BASE AL MECCANISMO DI LESIONE, INDICATE QUALI PAZIENTI SI PRESUME ABBIANO SUBITO UNA LESIONE DELLA COLONNA
27. UN PAZIENTE VITTIMA DI UN INCIDENTE STRADALE E’:
28. QUALI PARAMETRI PRENDE IN CONSIDERAZIONE IL METODO DI TRIAGE “ START ”?:
29. UN EVENTO CATASTROFICO AD EFFETTO LIMITATO È CARATTERIZZATO DA:
30. IL PERSONALE ADDETTO AL TRASPORTO SANITARIO SEMPLICE E TRASPORTO SANITARIO, DEVE:
31. NEL SISTEMA START, UN PAZIENTE CHE NON CAMMINA, HA UNA FREQUENZA RESPIRATORIA DI 26 ATTI/MIN, NON HA POLSO RADIALE, CON QUALE CODICE COLORE VIENE IDENTIFICATO ?
32. La relazione di soccorso MSB:
33. SECONDO QUANTO APPRESO IN QUALI CASI BISOGNA ASSISTERE IL PARTO IN POSTO ?
34. NEL SISTEMA START, UN PAZIENTE CHE: NON CAMMINA, HA FREQUENZA RESPIRATORIA DI 25 ATTI/MIN HA POLSO RADIALE ED ESEGUE ORDINI SEMPLICI, CON QUALE CODICE COLORE VIENE IDENTIFICATO ?
35. ALLA PRIMA ANALISI DEL RITMO CARDIACO, IL DAE COMUNICA SHOCK NON INDICATO COSA FAI?
36. PERSONA INCOSCIENTE CHE REAGISCE A UNO STIMOLO DOLOROSO (OCCHI-VOCE-MOVIMENTO) COME VIENE DEFINITO NELLA SCALA AVPU?
37. IN QUALE FASE DELLA VALUTAZIONE VENGONO IDENTIFICATI I TRAUMI MUSCOLO SCHELETRICI:
38. LA DISPNEA E’ PRESENTE QUANDO CI SONO:
39. QUALE TRA I SEGUENTI, NON È UN COMPITO DEL 1° MEZZO CHE GIUNGE SUL LUOGO DI UN EVENTO MAGGIORE ?
40. IL MODO MIGLIORE PER RIDURRE I RISCHI DI LESIONI AL RACHIDE CERVICALE E':
41. DOPO AVER COLLEGATO CORRETTAMENTE LE PIASTRE DEL DAE AL PAZIENTE, L’ANALISI NON PARTE E IL DAE RIPETE IL MESSAGGIO “COLLEGARE GLI ELETTRODI”
42. UN PAZIENTE EPILETTICO NOTO HA AVUTO UN MALORE SULLE SCALE DI CASA. AL VOSTRO ARRIVO LO TROVATE SOPOROSO, IN POSIZIONE PRONA SUL PIANEROTTOLO, COME LO TRASPORTATE:
43. IN UNA FERITA SOFFIANTE APERTA DEL TORACE, SI DEVE:
44. LAVORANDO IN SUPPORTO AD UN MEZZO DI SOCCORSO AVANZATO (MSA) VI SIETE ACCIDENTALMENTE PUNTI CON UN AGO. E’ OPPORTUNO:
45. IN CASO DI ABUSO DI FARMACI A SCOPO AUTOLESIVO:
46. NEL CASO DI UN PAZIENTE CADUTO IN UN SILOS CHE POTREBBE CONTENERE GAS TOSSICO SI DEVE:
47. LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE DEVE ESSERE PRATICATA:
48. PAZIENTE MOLTO SOFFERENTE PER DOLORE TORACICO:
49. QUALI SONO I VANTAGGI DEL MATERASSO A DEPRESSIONE RISPETTO ALLA TAVOLA SPINALE NELLA MOBILIZZAZIONE DEL PAZIENTE CON SOSPETTA FRATTURA DI BACINO ?
50. UN EVENTO CATASTROFICO AD EFFETTO CHE TRAVALICA LE POTENZIALITA’ DI RISPOSTA DELLE STRUTTURE LOCALI È CARATTERIZZATO DA: